A.S.D. Cefalù Calcio

Associazione Sportiva Dilettantistica

Scorpacciata di goal a Palermo; Delfini travolti 5-1:

2-12-12

 

Partita a senso unico tra le mura dei Delfini Vergine Maria dove i gialloblu si impongono per cinque reti a una, archiviando la pratica già nel primo tempo dove però, almeno fino all’uno a zero, si è vista una partita equilibrata, coi padroni di casa capaci di esprimere un bel gioco, ma c’è stato poco da fare dopo la doppietta di Geraci che ha fatto prendere il largo alla squadra di Minutella

 

Si comincia a ritmi bassi, ma superato il quarto d’ora il Cefalù ingrana e finisce per fare da padrona, dominando a larghi tratti la gara: al 15° e al 22° le conclusioni da fuori di Villafranca e Brocato danno soltanto l’illusione del goal, con la sfera che va a lambire il palo difeso da Alioto.

La prima vera palla goal passa dai piedi di Zangara, che si prolunga in area, controlla e lascia partire la botta potente al volo, respinta solo grazie alla paratissima di Alioto, che poco dopo trema sul tentativo di Schicchi, che sfiora il vantaggio di testa su corner.

Alla mezz’ora uno sfortunato Milia spreca in modo madornale  la palla del vantaggio mandando a lato su conclusione ravvicinatissima di testa, e poco dopo l’esterno si rende ancora protagonista: su un suo spunto dal vertice di sinistra, Culotta riceve palla nel cuore dell’area, dove Alioto non riesce a liberare il pallone che sembra superare poi la linea di porta, ma Bennici della sezione di Caltanissetta non è di questo avviso e lascia continuare tra le proteste gialloblu: episodio dubbio.

Nonostante la difesa traballi, i Delfini tengono bene e al 34° trovano finalmente uno spunto con Alioto C. che non trova di un niente la rete su tiro pericoloso dal limite dell’area, con Fiduccia che è ben appostato.

Continuano a fioccare le occasioni, ma poi la partita cambia al 37°, quando su calcio piazzato battuto alla perfezione da capitan Villafranca, Culotta incontrastato in area colpisce di testa in girata andando a incocciare il palo, ma dalle retrovie è pronto a ribadire in rete Geraci che firma così il vantaggio cefaludese.

Scatta la molla cefaludese dopo il vantaggio e così si inizia anche a vedere un bel gioco: D’Amico ci prova e ci riprova ma alla fine è ancora Geraci ad aumentare il vantaggio con una gran rasoiata da fuori al minuto 39° che va in fondo al sacco lasciando impietrito l’estremo difensore dei padroni di casa.

Neanche il tempo di tornare a sedersi per la ripresa e Culotta cala il tris con dedica al compagno Lo Piccolo al minuto 48° grazie all’assist di Milia in battuta dalla bandierina; 3-0 facile.

Dopo soli due minuti ancora uno splendido Milia fa poker grazie all’involata di Zangara, che sul lato di destra appoggia per Culotta la cui sponda manda così in goal l’esterno offensivo del Cefalù per il 4-0 che taglia definitivamente le gambe agli avversari.

Grazie alla sicurezza del risultato, la squadra di Minutella toglie inevitabilmente il piede dall’acceleratore, dando così al 74° l’opportunità del goal della bandiera al capitano dei Delfini Gallè, coi palermitani che salvano così la faccia grazie alla staffilata vincente del numero 10 su palla vagante lontano dall’area, resa peraltro viscida a causa del diluvio.

La partita sembra conclusa ma proprio nei minuti finali e durante il recupero vediamo succedere di tutto: ci sarebbe spazio per il 5-1 di Villafranca, annullato però per posizione irregolare del centrale al momento di ricevere il pallone; si resta sul 4-1 ma viene annullato anche il raddoppio dei padroni di casa di Palazzolo, anche questo per offside, e solo al 93° arriva il 5-1 (stavolta regolare) siglato da D’Amico che dai venticinque metri sfodera un’imprevedibile parabola su cui nulla può Alioto.

Finisce dunque col risultato di 5-1 questa partita scoppiettante, dove sono fioccate le occasioni da goal e finalmente anche il bel gioco; vittoria pesante specie per il morale dopo il breve momento no del Cefalù che adesso ritrova il sorriso grazie al balzo in seconda posizione, resta adesso il bisogno di misurarsi in partite più impegnative di questa (non basta infatti sconfiggere il fanalino di coda per capire dove sarà possibile arrivare); ovviamente servirà anche uno sguardo al mercato di riparazione per trovare qualche indizio in più a riguardo. 

 

Formazioni:

 

Delfini Vergine Maria: 22 Alioto D.,2 Lassalle,3 Aiello,4 Giuliano (amm.19°),5 Minnone,6 Calderone,7 Di Maria (54°Palazzolo amm.73°),8 Mistretta (56°Monreale),9 Fiore,10 Gallè cap.,11 Alioto C.(64°Ravazzini). In panchina: Branca, Palazzolo, Monreale, Ravazzini, De Gregorio. All. Lo Cicero.

 

A.S.D. Cefalù Calcio:1 Fiduccia,2 Brocato,3 Compagno M.,4 Geraci,5 Schicchi,6 Castiglione,7 Villafranca (amm.33°),8 D’Amico,9 Culotta (65°Cicero),10 Zangara,11 Milia (63°Maranto). In panchina: Solaro, Gatta, Serio, Guggino, Cicero, Maranto, Aiello. All. Minutella.

 

Arbitro: Bennici di Caltanissetta

Reti:37°-39°Geraci, 48°Culotta, 50°Milia,74°Gallè,93°D’Amico.

 

L’addetto stampa – Gianmarco Cesare – www.cefalucalcio.it

Foto di Matteo Di Fina

 

 

 

 

 

 

Per i veri sportivi: Set Doccia Professionale
Clicca sull'immaggine per guardare l'offerta e te riservata.