A.S.D. Cefalù Calcio

Associazione Sportiva Dilettantistica

Allievi: Cefalù vs Bompietro termina 2 a 2, ma il protagonista è l'arbitro

Settimana importante quella appena trascorsa, per gli allievi del Cefalù Calcio: i giallo blu, finalmente, recuperato la propria punta, Giovanni Sferruzza, e mercoledì, hanno conquistato una vittoria vittoria importantissima contro il Castelbuono (terminata 3 a 2 con doppietta proprio del rientrante Sferruzza e di Alfonzo J.).

Con il Bompietro il Cefalù si gioca una ghiotta occasione per riacciuffare la vetta e respingere l'assalto proprio degli ospiti che si trovano ad una sola lunghezza; mister Alfonzo, decide di schierare il 4-4-2:

ASD Cefalù Calcio: 1 Ciolino, 2 Sutera, 3 Fiduccia, 4 Alfonzo J, 5 Cassata S. (21° min Minutella), 6 Emanuele, 7 Lo Mauro (40° min Alascia), 8 Tentori, 9 Sferruzza (C.), 10 Petrigna, 11 Mocciaro (40° min Cassata T)

Panchina: 12 Alfonzo E, 13 Alascia, 14 Minutella, 15 Saja, 16 Testa, 17 Cassata T.

Ammoniti: Emanuele

La partita però inizia nel peggiore dei modi per i padroni di casa: dopo solo 4 minuti è il Bompietro a sbloccare la partita: calcio d'angolo dalla sinistra, il pallone entra nell'area di rigore che viene raccolto dall'attaccante dagli ospiti che, indisturbato, ha il tempo di prendere la mira e tirare al volo, fulminando così l'incolpevole Ciolino.

Al 17° minuto arriva il raddoppio degli ospiti: punizione dal vertice destro dell'area di rigore, Ciolino sbaglia il tempo di  uscita, fregato anche dal pallone che, davanti a lui, gli rimbalza battendolo! 2 a 0 e una partita ancora tutta da giocare

Mister Alfonzo decide allora di ridisegnare l'assetto tattico della squadra, facendo uscire Cassata per mettere al suo posto Minutella, passando così ad un 4-3-3.

Il Cefalù esce la testa solo al 22° minuto di gioco con un calcio d'angolo di Tentori che, mettendo il pallone in mezzo, trova Emanuele che riesce a colpire il pallone di testa, ma sulla traiettoria del tiro c'è Lo Mauro che, incolpevolmente, salva la porta degli avversari toccando il pallone con la schiena. 

Il Cefalù cerca in tutti i modi di protrarsi in avanti per cercare di trovare il gol delle speranze per riaccendere la partita e per andare negli spogliatoi con un risultato più favorevole, ma la porta del Bompietro sembra stregata, e molti errori di valutazione del direttore di gara, portano alla conclusione dei primi 40 minuti sul 2 a 0.

Nella ripresa arrivano altri due cambi: escono Lo Mauro e Mocciaro e, al loro posto, entrano Alascia e Cassata T.

Il Cefalù entra in campo più motivato rispetto ad un Bompietro che sembra ormai cullarsi sugli allori per il doppio vantaggio...ma si sa, la palla e rotonda e in 40 minuti tutto può cambiare: al Cefalù ne bastano 2.

Al 45° arriva il gol del 2 a 1, realizzato da Sferruzza con una bellissima punizione: sulla fascia di sinistra, a pochi metri dalla bandierina del calcio d'angolo, il giovane attaccante del Cefalù fa partire un tiro a girare che va ad insaccarsi sul secondo palo, con il portiere del Bompietro che prova in tutti i modi di prenderla...invano.

 

La partita sembra che non abbia smesso di regalare emozioni e, dopo nemmeno un giro d'orologio, arriva pure il gol del pareggio: il Cefalù, dopo il fischio di ripresa del gioco, il Bompietro perde subito palla, sugli sviluppi dell'azione, la palla si trova vicino alla linea di fondo, con Petrigna che recupera un pallone impossibile, lo rimette in mezzo, con Minutella che con un incredibile colpo di tacco, fredda l'incolpevole portiere avversario. Un fantastico gol che annulla il vantaggio del Bompietro e riporta lo scontro sul  2 a 2; un Cefalù che, nel secondo tempo, è entrato con una diversa mentalità, più offensiva, più cinica.

La partita prosegue a ritmi alti, con il Cefalù che va pure vicinissimo al gol del 3 a 2, completando così una rimonta che alla fine dei primi 40 minuti di gioco sembrava solo un lontano sogno: punizione di Alfonzo sulla fascia di destra che va letteralmente a baciare la traversa con il portiere ormai battuto.

L'arbitro però non sembra essere "in giornata", arbitrando all'inglese: non fischia falli netti facendo continuare a giocare (alimentando così il nervosismo tra le due squadre), in tutta la partita non fischia un fuorigioco!

L'apice della "giornata no" arriva sullo scadere. Fallo fischiato a favore del Cefalù, dopo una spinta subita da uno dei giocatori di casa , si accende un capannello verso l'arbitro che viene circondato dai giocatori ospiti; ne nasce un alterco con uno di essi che scaraventa via il pallone. L'arbitro mette mano al tacquino e gli mostra il cartellino rosso, per poi ripensarci e, sventolargli, il cartellino giallo.

Ne nasce una nuova discussione, e con largo anticipo, con il tempo regolamentare non ancora scaduto.

Una partita che ha mostrato i due volti del Cefalù: nel primo tempo una squadra spenta con qualche piccola reazione d'orgoglio, che, però, viene spenta o dalla poca precisione sotto porta o, come oggi, dalla sfortuna. 

Nella ripresa il vero volto della squadra giallo blu: una squadra vogliosa di vincere, che difficilmente gli avversari riescono a fermare, una precisione sotto porta invidiabile e un gioco inarrestabile.

Che l'arbitro abbia condizionato la partita di oggi, purtroppo, non ci sono dubbi, ma i ragazzi di mister Alfonzo devono comunque cercare di giocare come sanno, o meglio, come nella ripresa, anche perchè questo campionato è veramente instabile e ancora i giochi non sono finiti

 

L'addetto Stampa Matteo Di Fina - www.cefalucalcio.it

Per i veri sportivi: Set Doccia Professionale
Clicca sull'immaggine per guardare l'offerta e te riservata.

3219227
Oggi
Ieri
Questa Settimana
Settimana Scorsa
Questo Mese
Mese Scorso
Totale Visite
2822
0
2822
0
39133
81964
3219227

Tuo IP: 54.227.51.103