A.S.D. Cefalù Calcio

Associazione Sportiva Dilettantistica

Contro i Delfini è una passeggiata, 1-0 e show di Alfonso Adami:

Giornata tranquilla per un Cefalù in “modalità risparmio”  che ottiene l’intera posta in palio senza grandi sforzi, partita soporifera ma risultato che poteva e doveva essere più largo. Ragazzi ora concentrati sul recupero di Mercoledì contro il Salemi.


 


Per molti la nuova stagione del Cefalù Calcio comincia soltanto adesso, dopo la vittoria casalinga contro i Delfini Vergine Maria, e dopo varie interruzioni, turni di riposo e rinvii che hanno costretto i gialloblu a giocare solamente quattro delle sei giornate di campionato previste finora.

Minutella decide di far rifiatare qualche elemento in vista del delicato recupero infrasettimanale contro il Salemi, e lamenta il solo assente Villafranca - un turno di squalifica per lui - ; i Delfini scendono in campo privi esclusivamente del mister Perricone, anche lui squalificato per proteste nel turno precedente.

Il primo quarto d’ora vede entrambe le formazioni in penombra: il Cefalù gestisce cercando di vivacizzare la manovra con scarsi risultati, gli ospiti in maglia gialloverde giocano d’attesa sperando nell’errore dei padroni di casa, che non vengono mai impensieriti seriamente dalle conclusioni avversarie.

Il primo vero spunto lo offre Zangara al 18° su servizio di Adami dal lato corto dell’area, con l’attaccante che sfodera un destro secco al volo, pronto però l’intervento di Muratore che blocca il pallone.

Raggiunto il 24° di gioco Alfonso Adami regala spettacolo riscattando l’occasione sfumata in precedenza, con un grandissimo goal che sveglia la partita: lancio lungo e preciso di Aiello in direzione dell’attaccante, che controlla di rimbalzo e conclude di destro al volo dai 25 metri con palla a spiovere nell’incrocio dei pali … spettacolare l’1-0 siglato dalla punta gialloblu!

Ormai superata la mezz’ora, l’unica buona occasione per i gialloverdi passa dai piedi di Cinà,che spara alto su tiro al volo da buona posizione, poco dopo c’è spazio anche per Di Maria che inventa una staffilata interessante che però termina a lato.

La musica sembra non cambiare nella ripresa, col Cefalù sicuro di aver messo in cassaforte i tre punti e gli ospiti che quasi non tentano nemmeno di rientrare in partita: l’unico vero brivido lo provoca ancora Cinà al fischio d’inizio, ma Fiduccia salva il parziale alla prima azione con una grande uscita.

La partita con il tempo si addormenta, al punto da diventare quasi soporifera: le uniche vere occasioni sono come sempre di marca gialloblu, con Milia che al 61° manca l’aggancio con un pallone d’oro a tu per tu col portiere, goal che sembrava già fatto.

Altre due occasioni clamorose fallite nel finale di gara: la prima - all’81° - sfuma sul tiro impreciso di D’Amico, che parte in contropiede sparando addosso al portiere in uscita; la seconda arriva all’84° con Aiello che sugli sviluppi di un corner tenta l’incornata in mischia, ma la conclusione viene sporcata facilitando la presa di Muratore.

Finale di gara sorprendente con le polemiche che si accendono in pieno recupero, succede tutto in una sola azione: protagonista è l’arbitro Di Rotta della sezione di Barcellona, che gestisce benissimo una situazione spinosa, lasciando correre su un presunto calcio di rigore (cercato e accentuato dall’attaccante gialloverde) e rifilando un rosso diretto per proteste al capitano dei Delfini Calderone. Nel frattempo l’azione continua, e nonostante le proteste gli ospiti trovano il goal, ma stavolta a rendersi protagonista è il guardalinee che sbandiera e annulla giustamente la segnatura, per via della sfera che oltrepassa la linea di fondo al momento del cross.

La gara termina sul risultato di 1-0 e il Cefalù mette altri tre punti preziosi in cascina, arrivando nel migliore dei modi alla sfida fondamentale di Salemi contro una delle squadre più insidiose di questo girone, in quello che potrebbe essere definito il primo vero esame per il gruppo allenato da Minutella, visto da molti come la vera corazzata da battere.

Giocatori tecnici come Adami oggi sono stati liberi di sbizzarrirsi, eludendo gli avversari con le loro giocate, dall’altro lato Delfini molto giovani e inesperti, ma sicuramente messi troppo sulla difensiva sul risultato di 1-0, un atteggiamento francamente inspiegabile e che alla fine è costato la sconfitta. 

 

A.S.D. Cefalù Calcio:1 Fiduccia,2 Mantia,3 Compagno M.,4 Geraci cap.,5 Aiello,6 Compagno F.,7 Città(57°D’Amico).8 Buonocore,9 Adami,10 Zangara(66°Porcello),11 Milia(90°Fiasconaro). All. Minutella. In panchina:Papa, Arno, Li Castri, Porcello, D’Amico, Fiasconaro, Battaglia.

 

Delfini Vergine Maria: 1 Muratore,2 Tumminia,3 Basile,4 Cangelosi(71°Quattrocchi),5 Di Grazia(amm.47°),6 Calderone cap.(esp.90°+),7 Buccioli(amm.83°),8 Arlotta,9 Cinà(55°Di Stefano),10 Di Maria(amm.45°,55°Lo Monaco),11 Lo Nigro. All.Perricone (sq.). In panchina: Iraci, Paternostro, Mangione, Di Stefano, Lo Monaco, Quattrocchi, Garofalo.

 

Arbitro: Di Rotta di Barcellona Pozzo di Gotto / ass. Esposito – Riggio (PA)

Reti:24° Adami

 

L’addetto stampa – Gianmarco Cesare – www.cefalucalcio.it