A.S.D. Cefalù Calcio

Associazione Sportiva Dilettantistica

Il Cefalù ci mette la forza e il cuore ma il Fulgatore resiste

Prima partita del girone di ritorno, l’ultima per il 2013 calcistico del Cefalù Calcio che, in trasferta, prova a prendere punti nel difficile campo del Fulgatore per avvicinarsi alla prima in classifica, il Paceco, che nella giornata di ieri ha pareggiato per 2 a 2 contro il CUS Palermo.

Il Capitano Paolo Villafranca insieme agli albriti.

Mister Minutella deve far a meno di Zangara (leggero infortunio), ma ritrova Francesco Compagno e Manita (scontata la squalifica) e trova in Raimondi (nuovo acquisto) una nuova pedina per la sua scacchiera, in vista di uno scontro che si preannuncia molto combattuto.

Fulgatore: 1 Filia G., 2 Reina A., 3 Fazio, 4 Mancuso, 5 Minaudo, 6 Calamia, 7 Martinez (70°min Cirrone), 8 Reina An., 9 Nolfo, 10 Oddo, 11 Ditta

Panchina: 12 Vassallo, 13 Cirrone, 14 Basciano, 15 Felice F., 16 Papa, 17 Felice C., 18 Pellegrino

Allenatore: Mr.Albanese

ASD Cefalù Calcio: 1 Fiduccia, 2 Compagno F., 3 Compagno M., 4 Geraci, 5 Miranda, 6 Mantia, 7 Villafranca, 8 D’Amico, 9 Calabrese, 10 Raimondi (59°min Milia), 11 Porcello

Panchina: 12 Papa, 13 Alfonzo, 14 Buonocore, 15 Sferruzza, 16 Sall, 17 Landolina, 18 Milia

Allenatore: Mr. Minutella

Arbitro: Lobello (Agrigento)

Il Cefalù parte subito fortissimo proiettandosi nella trequarti avversaria, mettendo sotto pressione i difensori che si trovano in difficoltà nel fronteggiare la velocità e il gioco dei giocatori gialloblu.

Al 10° minuto il Cefalù Calcio dà vita ad un azione spettacolare, che mette in mostra il gioco e, soprattutto, le tattiche studiate negli allenamenti con il proprio mister: Raimondi trattiene la palla vicino alla bandierina pressato da due avversari, a supporto arriva Villafranca, che riceve la sfera e la passa indietro a Compagno Mirko, che, nuovamente la passa al centro per D’Amico il quale serve Geraci che fa partire un tiro insidiosissimo che sfiora di pochissimo il palo. Un’azione del genere, composta da una tale ragnatela di passaggi meritava, sicuramente, miglior sorte.

Al 20° minuto la prima e unica occasione del Fulgatore, con Martinez che riesce ad illudere due avversari, ma da buona posizione conclude fuori, con Fiduccia che controlla la sfera.

Il primo tempo è un continuo pressing della squadra gialloblu che, in più di un’occasione sfiora il gol del possibile vantaggio, con il Fulgatore che viene costretto a difendersi a denti stretti per evitare di capitolare, ma i primi 45 minuti si concluderanno sullo 0 a 0.

L'impegno dei giocatori dell'A.S.D. Cefalù CalcioNella ripresa, la musica non cambia: Cefalù aggressivo che costringe gli avversari a rintanarsi nella propria trequarti per evitare il peggio; prima con Raimondi e, successivamente, con Geraci, il Cefalù va nuovamente vicinissimo al gol, ma la sfortuna non permette ai giocatori gialloblu di esultare per il possibile gol del vantaggio.

Al 50° il Fulgatore, però, prova a farsi sentire e a mettere paura al Cefalù: Nolfo dal limite dell’area di rigore piazza il pallone sull’angolo destro della porta difesa da Fiduccia, con la palla che supera di pochi centimetri il legno.

Il resto della partita è un completo dominio del Cefalù che prova in tutti i modi a conquistare il vantaggio: al 58° minuto esce Raimondi (buona la sua prestazione, ma ancora non si è ben inserito negli schemi della nuova squadra) dentro Milia che subito si mette in mostra con grandi giocate e, soprattutto, grandi accelerazioni sulla fascia rendendo veramente molto difficile il lavoro dei difensori.

Il risultato però non si sblocca e, per quanto la squadra si impegni e provi in tutti i modi di raggiungere il vantaggio, la formazione del Fulgatore riesce quasi sempre a salvarsi in extremis, rendendo così vani gli attacchi dei gialloblu.

 

Il Cefalù Calcio ci mette il cuore e l'animaUno 0 a 0 che, alla luce dei fatti, è pur sempre un punto importantissimo contro una squadra, quale il Fulgatore, che si è difesa strenuamente nel proprio campo. Un punto che risalta la difesa gialloblu, quest’oggi impeccabile e granitica che ha impedito agli avversari di poter arrivare a possibili conclusioni pericolose, e una formazione che è stata fermata da una squadra che non ha concesso nulla, per quanto il dominio gialloblu sia stato incontrastato.

Un pareggio che conclude così l’anno calcistico 2013 che ha, sicuramente, portato molte soddisfazioni e, soprattutto, ha dato la possibilità al Cefalù Calcio, di togliersi qualche sassolino dalla scarpa; un pareggio, quello di Fulgatore, che, sicuramente, sta gettando le basi per il 2014, per la lunga rincorsa verso la promozione: il Paceco non è così lontano e il Cefalù Calcio ha fame!

 

 Foto di Matteo Di Fina

L’addetto stampa Matteo Di Fina – www.cefalucalcio.it