A.S.D. Cefalù Calcio

Associazione Sportiva Dilettantistica

Vittoria e primato solitario: il Cefalù si impone per 3-1 sul Mistretta

I messinesi raccolgono la prima sconfitta in campionato: a segno Caronia, Fazio e D’Amico; gli ospiti rispondono in dieci con Craccò su punizione. Espulso anche Minutella.


 


Nello scontro al vertice di questo quinto turno, giocatosi al S.Barbara, il Cefalù riesce ad archiviare con successo la non facile pratica Mistretta, vincendo e convincendo per buoni tratti di gara sotto un forte acquazzone. Il Mistretta si presenta a Cefalù come un cliente tosto (squadra ancora imbattuta, concede poco e segna molto) ma i gialloblu riescono nell’impresa con un tris offerto da Caronia, Fazio e D’Amico, e adesso guardano tutti dall’alto a quota 13 punti.

 

CARONIA E FAZIO-SHOW, MA I GIALLOBLU NON CHIUDONO- Nonostante il fango del terreno di gioco (che come sempre ha retto bene alle intemperie) e il forfait dell’ultimo minuto di Fiduccia (problema alla gamba per lui) il Cefalù riesce a imporre il proprio gioco sugli avversari, che faticano una volta messi alle strette: al minuto 11’ primo sussulto con l’asse Compagno-Tomasello su punizione, ma il colpo di testa dell’attaccante finisce fuori di pochissimo. I tifosi pazientano un altro po’, fino al quarto d’ora, prima di assistere allo show del piccolo furetto Caronia, dimenticato da tutti in area, e letale di testa su invito di Ceraulo: è il terzo centro in tre gare per l’attaccante, anche oggi in splendida forma. I biancocelesti sbucano fuori dalla tana poco dopo lo svantaggio, e ci vuole il salvataggio in extremis, sulla linea, da parte di Compagno per mantenere invariato il parziale. C’è l’opportunità di raddoppiare per i padroni di casa, ma soltanto la pozzanghera riesce a fermare la corsa del pallone sulla conclusione di Fazio, a portiere battuto. Scorrono altri cinque minuti ed ecco il fattaccio: Minutella viene allontanato dal rettangolo di gioco per aver toccato la sfera a gioco in corso, ma il pallone, in prossimità dell’out, era già uscito. Gli ospiti si rendono pericolosi esclusivamente sui calci da fermo: Pidone fa i preparativi del goal al 38’ sfiorando  la traversa, ma i messinesi vengono preceduti da Fazio che porta i suoi al raddoppio, immolandosi per vie centrali senza alcun disturbo, e lasciando partire un destro da fuori che supera Musumeci all’incrocio. 2-0 ed eurogoal del cefaludese, giustamente applaudito per il suo primo goal stagionale. Doppia ammonizione per Melidone e Mistretta in dieci al 44’, ma i minuti di recupero sono cinque e tanto basta al maestro delle punizioni Craccò, che accorcia con il suo gioiello; nulla può Tarantino che arriva tardi sulla sfera in tuffo, terminata alla sua sinistra.

 

PAURA E TRIONFO, D’AMICO FIRMA IL TRIS- Il Cefalù rientra dagli spogliatoi senza essere riuscito a chiudere una partita che si era messa sul binario giusto; inutile il nervosismo e le proteste degli ospiti, che nel primo tempo hanno concesso metri e gioco agli uomini di Minutella, disorganizzati durante l’ultimo frangente utile per gli uomini allenati da Randazzo. La partita è ancora aperta, ma agli albori della ripresa le acque sono calme: ci vogliono dieci minuti prima che il Mistretta venga fuori con rabbia e determinazione, e come nel primo tempo, Tarantino dimostra ancora una volta di essere decisivo con una serie di salvataggi. Al 57’ il portierino gialloblu -classe ’97- effettua un intervento plastico sul tiro sotto la traversa del solito Craccò; un minuto dopo l’estremo difensore salva ancora il parziale, stavolta dicendo di no a Paone che semina il panico in area con un colpo di testa, smorzato dall’ estensione in tuffo del numero uno gialloblu che ci mette il guanto. La risposta del Cefalù è timida: al 63’ capitan Compagno prova l’incornata su corner, ma il tentativo si spegne sul fondo, finendo di poco a lato. Per il resto della gara si gioca letteralmente a pallanuoto, e non accade nulla sino al 90’, quando il gladiatore D’Amico fissa il risultato dopo una partita giocata da vero lottatore: piattone destro del centrocampista su ultimo passaggio vincente di Sferruzza, e per il Mistretta è scaccomatto.

Quattro minuti di extra-time non sono bastati al Mistretta per recuperare, ma certamente il maltempo può aver condizionato la gara per entrambe le compagini. Partita anomala per chi si aspettava un duello più equilibrato fra le prime della classe, ma nel calcio non si sa mai come va a finire. In attesa del risultato finale di Merì-Santangiolese, il Cefalù può festeggiare vittoria e primato in solitaria, ma la corsa a tre (o più squadre) è appena iniziata, e c’è un primo posto da difendere sul campo della Ciappazzi nel prossimo turno di campionato. Prima, però, c’è da pensare ai sedicesimi di Coppa Italia: l’andata si terrà giorno 8 Ottobre allo Stadio S.Barbara contro il CUS Palermo, con fischio d’inizio fissato alle 15:30. Il Cefalù è già pronto.


 


 

Cefalù 3-1 Mistretta

 

A.S.D. Cefalù Calcio: (4-3-3) Tarantino; Badalamenti(amm.70’), Compagno cap., Restivo, Ingrassia; D’Amico, Ceraulo, Bertolino; Fazio(65’Sferruzza), Tomasello(amm.78’; 79’Vegna), Caronia(65’Villafranca). All.Minutella. A disposizione: Fiduccia, Materazzo, Mantia, Giordano.

 

Mistretta: (4-4-2) Musumeci; Pidone, La Rosa, Melidone(amm.27’-44’), Veneroso, Filetto A., Salerno, Rivilli(73’La Via), Craccò, Paone, Rinaldi. All.Randazzo. A disposizione: Agazzino, Filetto F., Salamone, Lombardo, Smantello, Destro.

 

Arbitro: Pantaleo di Marsala

Reti: 15’Caronia; 45’Fazio; 45’+5’Craccò; 90’D’Amico.

 

L’addetto stampa – Gianmarco Cesare – www.cefalucalcio.it

 

®riproduzione riservata

 

 

 

Per i veri sportivi: Set Doccia Professionale
Clicca sull'immaggine per guardare l'offerta e te riservata.

3219051
Oggi
Ieri
Questa Settimana
Settimana Scorsa
Questo Mese
Mese Scorso
Totale Visite
2646
0
2646
0
38957
81964
3219051

Tuo IP: 5.9.18.7