A.S.D. Cefalù Calcio

Associazione Sportiva Dilettantistica

Il ruggito del Cefalù: battuto il Montemaggiore per 3 a 0

Il Cefalù torna a sorridere: spazzato via il Montemaggiore con un rotondo 3 a 0. Ci pensano Compagno, Geraci e Tomasello e, la squadra gialloblu riacciuffa, momentaneamente, il Rocca.

 

Va in scena al Santa Barbara di Cefalù, una delle classiche della Promozione, tra la squadra allenata da mister Minutella e il Montemaggiore.

Cefalù chiamato alla vittoria per rimanere attaccato alla capolista Rocca e, soprattutto, per scrollarsi di dosso le ultime prestazioni non molto brillanti.

Al contrario, il Montemaggiore, spera di conquistare qualche punto salvezza fuori casa visto che, la squadra palermitana, al momento, naviga nelle cattive acque della zona playout.

I padroni di casa partono benissimo ed è Ceraulo che mette in difficoltà la retroguardia ospite: al 7° prende in pieno la traversa con un bel tiro dal limite e, al 18°, con una mezza rovesciata all’interno dell’area di rigore, sfiora di poco il palo alla destra del portiere.

La prima azione degna di nota degli ospiti arriva al 37° con Petitto (uno dei migliori dei suoi) che, approfittando di uno svarione difensivo, prova a battere Tarantino con un pallonetto, con la palla che, però, termina a lato.

 A sbloccare la partita ci pensa Francesco Compagno allo scadere del primo tempo: punizione velenosa di Villafranca, la palla entra in area di rigore con la difesa del Montemaggiore che non riesce a buttarla in avanti, tra i vari rimpalli arriva Compagno che, in scivolata, spedisce la palla dietro le spalle dell’incolpevole Lo Bianco. 1 a 0

Nella ripresa, il Montemaggiore cerca il possibile gol del pareggio ma i tentativi vengono sempre bloccati sul nascere dalla retroguardia gialloblu; l’unico vero sussulto lo regala il solito Petitto che, con un tiro insidiosissimo, dal limite dell’area di rigore, termina di poco a lato con Tarantino battuto.

Il Cefalù non si perde d’animo e continua ad attaccare: Caronia da dimostrazione delle sue grandi doti tecniche, con un bel tiro al volo che termina di poco sopra la traversa (54°minuto).

Pochi minuti dopo, Tomasello, solo davanti al portiere, non riesce a batterlo; sul rimpallo arriva Sferruzza che, però, non riesce a trovare il tocco vincente, con la palla che termina di poco a lato.

 Al 63° il Montemaggiore conquista un penalty: Ingrassia, cercando di respingere un pallone all’interno dell’area, prende in pieno un giocatore degli ospiti con un calcio, per l’arbitro non ci sono dubbi: calcio di rigore. Dopo alcuni minuti, alla battuta si presenta Montalbano: il giocatore tira di potenza ma, con Tarantino battuto, prende in pieno la traversa. Sulla ribattuta, arriva lo stesso Montalbano che, prende la palla e segna, ma il gol viene annullato (giustamente) per fuorigioco.

 Il pericolo di venire raggiunti, sveglia il Cefalù: il fresco Geraci (entrato al posto di Sferruzza) sulla fascia di sinistra, riesce a mettere in difficoltà il Montemaggiore, creando un’ottima azione solitaria, conclusasi con un bel tiro che, però, supera tutto lo specchio della porta.

Ma, al 76°, arriva la palla giusta: palla sporca all’interno dell’area di rigore del Montemaggiore, il giovane giocatore del Cefalù si trova la palla sui piedi e, con un preciso diagonale, batte Lo Bianco.

Il Cefalù, però, non paco del risultato, continua ad attaccare con i suoi due alfieri, Caronia e Tomasello ma trovano la pronta risposta di Lo Bianco che chiude la porta.

Allo scadere dei minuti regolamentari, però, è costretto a capitolare per la terza volta: Bertolino, in velocità riesce ad eludere le marcature della difesa ospite, al limite dell’area di rigore si ferma, aspetta l’avanzata di Tomasello per poi servirlo con un ottimo passaggio smarcante; l’attaccante del Cefalù, a tu per tu con il portiere, non può che mirare e segnare il definitivo 3 a 0, chiudendo la pratica.

 

Un Cefalù che, sicuramente, con questa ottima prestazione, si è scrollato di dosso le ultime partite: quest’oggi al Santa Barbara si è vista una squadra combattiva, pronta a ripartire e, soprattutto, cinica sotto porta. Il rischio di esser raggiunti, ha fatto sì che i ragazzi di Mister Minutella, trovassero nuova linfa per attaccare e, soprattutto, per chiudere la sfida.

 

ASD Cefalù Calcio: Tarantino, Badalamenti, Ingrassia (70° min, Fazio), Ceraulo, Compagno, Restivo, Villafranca (60° min, D’Amico), Bertolino, Tomasello, Sferruzza (62° min, Geraci), Caronia

 

Panchina: Bruno, Alfonzo, D’Amico, Mantia, Fazio, Geraci, Vegna

All.: Sign. Minutella

 

Montemaggiore: Lo Bianco, Calabria, Cordova, Tascone, Cavarretta, Salamone, Montalbano, GiannòMazzeo (45° min, Cicero), Agnello (78° min, Martines), Petitto

Panchina: Giglio, Cutrone, Cicero, Camarda, Millonzi, Martines

All.: Schillaci - Zappia

 

Gol: 44° min, Compagno (Cef), 76° min, Geraci (Cef), 90+3 min, Tomasello (Cef)

Arbitro: Bennici (Caltanissetta)

Assistenti: Damiano (Trapani), Parrinello (Palermo)